November 2019
Mo Tu We Th Fr Sa Su
 
 
 
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
October December

cohabitat: l'Atto di indirizzo

 

programma strategico delle politiche culturali della Provincia di Ancona per il biennio 2010-2011

Principi di carattere generale:


Le politiche culturali si definiscono come una pianificazione integrata del territorio, ossia un utilizzo strategico delle risorse culturali volto allo sviluppo delle comunità, in grado di coinvolgere le varie competenze e di muoversi in un'ottica di integrazione tra rami e ambiti sinora considerati settorialmente (cultura, politiche giovanili, ambiente, turismo, servizi formativi e sociali, pianificazione urbanistica etc.) per giungere ad un'interazione di risorse a livello locale in una strategia di sviluppo globale del territorio stesso.

Su questo terreno la Provincia di Ancona, con il progetto Cohabitat 2008/2009, ha svolto un ruolo centrale   di proposta e organizzazione, interagendo con le realtà delle istituzioni e delle associazioni culturali. All'interno di questo processo, complesso e diffuso sull'intero territorio, si sono sviluppate sinergie attraverso percorsi progettuali fortemente legati alle realtà culturali dei territori:   l'Acqua la Memoria e il bando per i progetti del territorio.

Questi processi culturali altamente partecipati hanno creato, nel corso di due anni, un tessuto ricco e dinamico, dove l'innovazione è riuscita a procedere di pari passo con le tradizioni culturali e storiche del nostro territorio.

Il quadro rappresentato da Cohabitat è decisamente innovativo, per le sue tematiche e per le sue modalità relazionali e costituisce una positiva connotazione della Provincia di Ancona nel panorama regionale.

Cohabitat, avviato nel precedente biennio, consente di sviluppare le potenzialità attraverso l'integrazione delle tematiche della cultura contemporanea e delle modalità di progettazione, permettendo la qualificazione delle esperienze finora sviluppate e un reale sostegno ai progetti.


Obiettivi generali:

  • Sviluppare processi culturali integrati in area provinciale nei quali l'interazione tra la politica culturale della Provincia di Ancona e le politiche culturali locali producano sinergie efficaci.
  • Coniugare presente e passato, locale e globale, culture diverse.
  • Sperimentare le relazioni tra i diversi linguaggi della cultura sugli assi tematici indicati
  • Promuovere lo sviluppo delle potenzialità umane indipendentemente dal sesso, dall'età e dalla provenienza, per contribuire alla coesione civile della società provinciale e allo sviluppo dei diritti di cittadinanza. 

Il secondo biennio di Cohabitat copre l'arco temporale degli anni 2010/2011 per essere poi sottoposto a valutazione finale.

Esso prevede un intervento che comprende le deleghe alla cultura, al turismo e alle politiche giovanili e al sistema formativo.

 

Assi :

CoHabitat si muove sui tre assi strategici già individuati nel precedente biennio e denominati: Babele, HuB, Genius Loci.

Grazie alla esperienza maturata nel coordinamento delle attività già svolte e tenuto conto dei dati del monitoraggio, nonché fatta memoria delle esigenze scaturite dal territorio e delle indicazioni emerse in sede di discussione della competente commissione consiliare , i contenuti culturali e progettuali degli assi sono integrati e modificati rispetto agli stessi assi del biennio 2008/2009:


Babele

Human Bit

Genius Loci


Cohabitat Scuola


Cohabitat è:

  • un modo per interrogarsi sulla società contemporanea, sul futuro del nostro territorio e sui bisogni della nostra comunità allargando le abituali frontiere di confronto
  • uno spazio comune di riflessione, aperto ai più diversi contributi ideativi, creativi e progettuali
  • un'opportunità per partecipare in prima persona allo sviluppo del nostro territorio e misurare le proprie idee e capacità con un nuovo modello di convivenza civile.
Siamo certi che in questo percorso le politiche culturali, al pari di quelle giovanili, dello sport e del turismo potranno giocare un ruolo di primo piano costruendo intuizioni e suggestioni sui grandi temi del terzo millennio, favorendo l'innovazione e mediando lo spirito del nuovo con l'identità storica della nostra popolazione e delle nostre terre.